25 agosto 2009

Insegnanti di religione: grottesca prova di forza

segnalazione di Fulvio Del Deo

http://momovedim.ilcannocchiale.it/

 

Dunque gli insegnanti di religione cattolica, l'unica insegnata nella scuola pubblica italiana e peraltro a carico del pubblico bilancio, sono "stati rimessi in gioco", come Ŕ stato sritto, da un provvedimento ministeriale, tramite DPR, che oltrepassa temporaneamente la sentenza del TAR del Lazio, almeno sino al pronunciamento del Consiglio di Stato.
Un saggio modo di governare dovrebbe cercare soluzioni tendenti all'armonia tra le varie componenti della societÓ e questo provvedimento non pare proprio destinato a ci˛, apparendo anzi propedeutico ad ulteriori ricorsi e divisioni.
Dinanzi a questa sorta di "prova di forza", dai contorni peraltro grotteschi visto che taluni la vogliono correlare alla presunta difesa di una "maggioranza" che in quanto tale Ŕ giÓ di per se ampiamente tutelata, viene spontaneo chiedersi perchŔ non ci si attivi invece, come avviene in altri paesi, per diversificare la gamma di insegnamenti religiosi nella scuola pubblica ed introdurre, per quanti non interessati o non credenti, reali materie alternative.

Gadi Polacco, Consigliere dell'Unione delle ComunitÓ Ebraiche Italiane

http://www.livornoebraica.org/

 

 


     

  Il Crogiuolo


Per intervenire: invia@vivitelese.it