22 ottobre 2008
Di Lorenzo: le strade della Provincia di BN
Pietro Di Lorenzo

 

 

"L'Amministrazione Provinciale, la condizione delle strade sannite ed un'appello al Presidente

 

La cronaca quotidiana Ŕ piena di notizie che informano su incidenti, tanti anche mortali, che avvengono sulle nostre strade. A volte, frettolosamente, si attribuiscono le responsabilitÓ alla velocitÓ, alla droga, all'alcool, oppure a manovre avventate o distrazioni.  Quasi mai si affronta una discussione su uno dei problemi pi¨ gravi e preoccupanti, che invece riguarda la condizione delle strade e la moltitudine di buche, avvallamenti ed altre anomalie che sono una delle cause scatenanti di danni a persone e cose. 

La provincia non si occupa solo di strade, questo Ŕ quello che rispondono i soliti tromboni della politica, che, a corto di argomenti, cercano di deviare le loro responsabilitÓ. Eppure le strade interne, le strade provinciali, sono uno dei pilastri dello sviluppo economico e sociale di una provincia. In particolar modo il sannio, costituito da piccoli e piccolissimi comuni, raggiungibili ed  attraversati da strade provinciali, che, se fossero in buono stato di transitabilitÓ, potrebbero rappresentare una vetrina per le centinaia di piccole imprese, da sempre  struttura portante della nostra economia. 

 

Raggiungere uno dei paesini del Sannio, senza incappare in una delle tante buche disseminate lungo le strade provinciali sembra un'utopia. Per non parlare  di restringimenti di carreggiate, pessimi lavori eseguiti con spreco di dinaro pubblico e avvallamenti del piano viabile.  ╚ quindi importante un'esigenza, una richiesta, una supplica pressante che noi rivolgiamo direttamente al Presidente della Provincia. Per una volta il Presidente dica no ai convegni, alle conferenze stampa, ai dibattiti, alle riunioni (a volte) inconcludenti e si dedichi alle strade. Come?  Viaggiando! Percorrendo una delle oltre cento strade provinciali, magari una strada a settimana, dedicando tempo e poi risorse alla risoluzione dei piccoli e grandi problemi che i cittadini sono costretti a subire a causa delle estreme condizioni in cui l'incuria ed il malgoverno hanno relegato le strade, che a volte avrebbero bisogno veramente di poco, magari un poco di asfalto (sistemato bene per˛!) e tutto ritorna meglio. Con una strada a settimana, in due anni il lavoro sarebbe completato e la provincia sannita potrebbe continuare a respirare sviluppo e crescita.

 

Girando per le strade, il Presidente si accorgerebbe anche che alcuni lavori, realizzati dalla Sua Amministrazione non sono state eseguiti proprio a regola d'arte. Anzi, alcuni lavori, sarebbero stati eseguiti e subito dopo demoliti, senza un apparente e giustificato motivo tecnico. Per dirla ancora pi¨ chiaramente, una strada scassata, prima si sistema spendendo migliaia e migliaia di euro e poi, una volta completati e lavori, la stessa provincia inizia di nuovo a scavare per realizzare impianti fognari. Tutti capiscono che un buon padre di famiglia avrebbe prima realizzato la fognatura e poi sistemato la strada. Ma questo non Ŕ accaduto! ChissÓ se con un Presidente che ogni settimana gira per le strade provinciali quest'assurditÓ si potrÓ evitare. Noi pensiamo di sý ed Ŕ questa la nostra opinione, senza per questo trasformare il Presidente della Provincia in un CANTONIERE STRADALE".     

 

Benevento, 20 dicembre 2008

 

Ing. Pietro Di Lorenzo Vicecoordinatore provinciale di Forza Italia - PDL

 

     

 Valle Telesina


Per intervenire: invia@vivitelese.it