ViviTelese, è ora di riorganizzare il sito
Premessa

Ritorna all'indice

 

 

 

13 giugno 2009

 Ho seguito e visto in questi giorni la frenetica attività elettorale, in ambito comunale e in campo europeo, ed  il tuo conseguente lavoro di gestore  di ‘ViviTelese’.

Ho apprezzato le tue mirabolanti performance di ‘aggiornamento’ … doppi salti mortali carpiati, con indice di difficoltà altissime. Mi sono sempre domandato dove prendevi tutta quell’energia!

Ti ringrazio per le tue attenzioni a ViviTelese. Fanno sempre piacere. In più, i complimenti ricevuti da te che, come me, sei pluri-webmaster valgono molto più di quelli che provengono da persone affascinate ma digiune di informatica.

Ho deciso di condividere in modo pubblico, quello che qualche volta ci siamo detti di persona, e ultimamente con qualche e mail, coinvolgendo nelle nostre analisi e valutazioni anche Giuseppe.

Si, era ora di “mettere mano” al sito per ottimizzarlo e per essere sempre più vicini ali lettori.

Sono del parere che bisogna riorganizzare il sito non tanto per motivi estetici, che pure hanno la loro importanza, quanto per motivi pratici-organizzativi. Farlo in modo razionale con l’utilizzo di una Piattaforma di blogging gratuite (blogger, wordpress, splinder, myblog) versus piattaforme a pagamento.

Sono d’accordo con te e lo ero già da tempo quando ti ho scritto per chiederti pareri “migliorativi”.

Di solito si comincia con quelle gratuite, che sono facili, hanno tempi ridotti d’implementazione, non necessitano di manutenzione, e l’impegno‘ il famoso lavoro’ di cui sopra è notevolmente ridotto.

Allora…andiamo a cominciare! Però direi di fare le prove su un sito nuovo, parallelo, lasciando il “vecchio” ViviTelese sempre li, fino a che il nuovo non ci soddisfa.

E’ assicurata l’archiviazione automatica divisa per argomenti

Bellissimo, senza farlo “a mano” come ora. L’archivio ragionato è fondamentale per il successo di ViviTelese.

e su un determinato comunicato c’è la possibilità di risposta e partecipazione da parte dei lettori.

Questo voglio capirlo meglio. Sono contro agli interventi anonimi “tipo forum”. Anche l’esperienza del forum con moderatore ci ha dato problemi grandissimi anche di tipo legale.

Certo molte abitudini cambieranno ma i benefici saranno di gran lunga maggiori degli inconvenienti.

Fossi in te, dopo qualche giorno di riposo, inizierei a pensarci…

 

Giovanni Lombardi

 

Non sono un conservatore. Mi piace il nuovo. Siamo informatici attivi e sempre aperti alle novità. Ci sto già pensando da qualche anno. Penso che è giunto il momento di fare il salto.

 

 

 

Condivido il pensiero di Giovanni Lombardi: per il livello attuale di semplicità e funzionalità a cui sono arrivati i CMS (content management system) open source che si trovano attualmente in giro per la rete, continuare ad aggiornare staticamente le pagine è un po' uno spreco di energie e di tempo.

 

 

 

Frena…uaglio! … I gestori di ViviTelese hanno in media 50 anni ed il linguaggio tecnologico ci piace ma usiamolo con parsimonia. Scherzo. So di cosa parli perché ho visto su google…

Inoltre, seppure nessuno abbia il tempo di mettersi  a smanettare per disegnare il template, ce ne sono a miriadi di già confezionati e liberamente scaricabili, con le strutture più disparate, basta spulciare un po' in giro ed adattare poi la grafica.

Ecco. Hai centrato un aspetto fondamentale. La grafica di ViviTelese non è casuale ma studiata e perfezionata mese dopo mese. Sarà triste adattarsi a grafiche già preconfezionate ma se è la strada più veloce…

 

Questo aprirebbe la strada per sopperire a quelle che, secondo il mio modesto parere, sono sempre state le mancanze più evidenti di ViviTelese: la possibilità di commentare  i contenuti

Leggo su Wikipedia:

Il problema della gestione dei contenuti

In un approccio sistematizzato al problema della gestione dell'informazione si affrontano le seguenti fasi:

 

 
  • Identificazione degli utenti di back-end e dei relativi ruoli di produzione o fruizione dell'informazione
  • Assegnazione di responsabilità e permessi a differenti categorie di utenti per distinti tipi di contenuti (in un progetto complesso il prodotto finito non è frutto del lavoro del singolo, che pertanto non ha possibilità o esigenza di intervenire in tutti gli ambiti)
  • Definizione delle attività di workflow, cioè formalizzazione di un percorso per l'assemblaggio del prodotto finale che, in quanto frutto di produzione frammentaria, deve acquisire la sua unitarietà sottostando a opportune procedure di supervisione. Più prosaicamente, per poter rendere efficiente la comunicazione tra i vari livelli della gerarchia, è necessaria un'infrastruttura di messaggistica, con la quale i gestori del contenuto possono ricevere notifica degli avvenuti aggiornamenti.
  • Tracciamento e gestione delle versioni del contenuto
  • Pubblicazione del contenuto
  • Definizione del palinsesto editoriale

 

La descrizione appena data è perfettamente applicabile anche a MediaWiki, il software di gestione di Wikipedia.

 

(sempre sotto moderazione, o come meglio credono i gestori, non c'è come si potrebbe pensare una limitazione da questo punto di vista)

Si tutto bello in teoria. In pratica invece  ti informo che ViviTelese è finita sotto la valutazione della giustizia italiana che come ho avuto modo di osservare direttamente, non ha le idee chiare sulle diverse  responsabilità coinvolte.

Un anonimo aveva scritto (senza il mio controllo) delle stupidaggini offensive sul forum americano Ezboard.com.

ViviTelese ha dovuto subire diversi anni di procedimenti penali perché aveva un link che indirizzava a quel forum americano che offriva spazi grstis per le discussioni.

La legislazione su internet è molto carente e non vorrei liberarmi dalle ore di lavoro notturno per finire a trascorrere le notti in cella, solo per il piacere di offrire un servizio ai lettori.

ed un'archiviazione sistematica e strutturale dei contenuti stessi (consultabili, con un solo clic, divisi per argomento, data di pubblicazione, autore, etc...).

 

Bellissimo, come già detto a Giovanni Lombardi; questo dimezzerà di sicuro il mio lavoro notturno che va avanti da 8 anni.

Consiglio vivamente Wordpress, gratuito, open source, scritto molto bene in php, altamente personalizzabile.

 

Stasera stesso vedo come funziona ‘sto wordpress e vi dirò come va.

Poi se serve una mano si fa quel che si può...

Saluti.

Umberto Di Lorenzo

 

Certo che la mano serve! Puoi già farmi un esempio pratico di nuovo ViviTelese su wordpress?

 

L'invito è per entrambi i miei interlocutori di oggi e per quanti volessero partecipare al restyling, con adeguate competenze.

 

Giovanni Forgione

 

 

 

 

 


     

  Il Crogiuolo


Per intervenire: invia@vivitelese.it