ViviTelese, è ora di riorganizzare il sito
Proposte

Ritorna all'indice

 

 

 

Giovanni Lombardi

14 giugno 2009

Credo che il modo migliore per continuare la discussione circa il rinnovo del sito sia quella di ragionare intorno a delle proposte concrete: Ecco perchè ti invio il link  del sito di prova che ho realizzato (molto velocemente) con la piattaforma BLOGGER di Google. 

Ho utilizzato questa piattaforma per comodità e velocità. Rispetto a Wordpress è spartana ... ma serve a darti l'idea per iniziare a confrontarci sull'argomento...

nei prossimi giorni preparerò qualcosa con Wordpress.

ci risentiamo....

http://vivitelese.blogspot.com/

 

Abbiamo imbroccato il metodo giusto! Quello del confronto con esempi pratici per tentare di immaginare un sito che conservi le caratteristiche per le quali ViviTelese è nato  affermandosi in tutti questi anni, ma attento a semplificare ed innovare.

Su questa scia ti invito ad  considerare l’ipotesi abbastanza nuova ed originale, almeno penso, di integrazione delle due metodologie, mi spiego:

 

 
  • una home page strutturata in modo ‘tradizionale’ secondo la grafica, seppur rinnovata, di vivitelese tal quale lo conosciamo ora: ESEMPIO 1

  • parallelamente una piattaforma blogger che rimanda al pezzo specifico, con archiviazione per argomenti o anni nonché la possibilità di partecipare commentando il comunicato; esempio2

 Sto sperimentando, da qualche anno per l’associazione di cui faccio parte, questa tecnica con buoni risultati di integrazione  mutuando il positivo dei due metodi:

  • grafica mirata, personalizzata e specifica  in home page;

  • velocità, archiviazione e partecipazione nella piattaforme blog

 Per quanto concerne la tua perplessità sula partecipazione  e di commenti e dei problemi che questi possono creare per evidenti motivi di moderazione  è possibile filtrare gli interventi da parte dell’amministratore del sito per cui chi non firma l’intervento (esempio) non lo vedrà pubblicato.

 

altro esempio con WP: http://vivitelese.altervista.org/

 

 

Umberto Di Lorenzo

15 giugno 2009

A parte i "cavilli" tecnici in cui cado ogni volta essendo appassionato di tecnologia, sopratutto web, facciamo un po' il punto:

- Blogger, Wordpress o cosa? Per quanto riguarda Blogger, nella sua versione più recente è stato migliorato molto. Non ha più limitazioni in quanto a flessibilità, ed ho visto gente fare cose davvero mirabolanti con un template di blogger. Detto questo, però, Blogger è un bel po' più delicato di Wordpress, voler modificare qualcosa che vada oltre il semplice cambio di template, voler quindi fare qualche operazione di personalizzazione più profonda, è un po' complicato e si rischia sempre che non funzioni più niente. Per questo lo sconsiglierei, per la salute mentale di Giovanni Forgione, più che altro..

 

- A noi interessa innanzi tutto automatizzare l'archiviazione dei contenuti. Su questo mi sembra che siamo tutti d'accordo, sul fare in modo che i contenuti siano facilmente accessibili divisi per data, argomento, autore, etc. senza dover creare o modificare una nuova pagina ogni volta.

Questo è il punto fondamentale, poi viene la faccenda dei commenti: quando io ho detto "non c'è come si potrebbe pensare una limitazione da questo punto di vista" non mi riferivo a limitazioni di tipo giuridico (come mi sembra abbia capito Giovanni Forgione dalla risposta che mi ha dato).

Volevo dire che Wordpress non dà alcuna limitazione sul modo di gestire i commenti. Io personalmente credo che la possibilità di commentare favorisca di molto la discussione, ma se questo dovesse essere un problema per chi amministra il sito, niente gli vieta di chiudere i commenti e tornare ad una discussione solo per interventi completi (come è in questo momento su ViviTelese).

 

Allo stesso tempo, se invece i commenti sembrano una buona idea, è possibile senza problemi tenere ogni commento in moderazione (ovvero, io lo scrivo, ma non compare prima dell'approvazione - e anche eventualmente della modifica - da parte dell'amministratore), in modo che non sorgano problemi legali sui contenuti dei commenti. Ancora, è possibile creare degli utenti "fidati" che non hanno bisogno della moderazione dei commenti (che potrebbero essere le persone per cui l'amministratore ritiene non sia necessario alcun controllo). Questi sono esempi per far entrare nell'ottica che la modernizzazione e l'automazione del funzionamento di ViviTelese, non ne pregiudica il controllo sui contenuti che è stato fatto finora per non incorrere in azioni legali.

 

- Infine, lo stile: si può fare davvero qualsiasi cosa, da un'impaginazione blog classica (quella con tutti gli articoli uno sotto l'altro) a impaginazioni più evolute. Vi mostro ad esempio un sito che gestisco con un amico, www.liberipensieri.net/new, fatto con Wordpress e che ha una struttura della home page tutt'altro che classica (questo poi è stato fatto più di un anno fa, da allora le possibilità sono aumentate ancora, vi ricordo che Wordpress è un software open-source in continua evoluzione). Io personalmente ci vedrei bene un template come questo, questo o quest'altro, tenendo ben presente che ciò che conta è la struttura, tutto il resto, colori, logo, grafica, font, etc. è modificabile.

Spero di essermi, più o meno, spiegato.

 

 

 

 

Giovanni Forgione

15 giugno 2009

E' molto interessante la discussione che sta venendo fuori ed è altrettanto piacevole la modalità di aggiunta dei commenti "rapidi", "essenziali", senza necessariamente scrivere un intervento completo di quelli "classici" di ViviTelese per intenderci.

Faccio il punto della situazione, suddividendo i vostri suggerimenti per argomento.

 
Archiviazione

Attualmente, come sapete, il mio lavoro è doppio perché oltre la pubblicazione dell'intervento, devo andare a catalogarlo "a mano" nell'indice scelto.

Sarà senz'altro vantaggioso usare l'archiviazione automatica dei CMS (content management system).

Se ho ben capito, ad ogni intervento di un commentatore corrispondono tanti parametri legati al database. Orario, Data, Autore, Comune, Argomento, sono campi fissi o posso aggiungerne a mio piacimento (nella progettazione iniziale del sito)?

 
Responsabilità legali

Molto chiara la spiegazione di Umberto sulle diverse modalità di inserimento dei commenti.

Molto efficiente e positivo anche il metodo gerarchico di chi è autorizzato a scrivere senza controllo del gestore.

Il sollievo maggiore per me sta nel fatto di potere evitare la pubblicazione "automatica"di commenti da parte di sconosciuti.

 
Grafica

Fino ad ora le proposte grafiche non mi soddisfano. C'è però da considerare l'ottimo suggerimento di Giovanni Lombardi: la home potrebbe anche restare molto simile a quella attuale mentre l'archivio potrebbe  risiedere su un nuovo server e su un nuovo sito con archiviazione automatica. I servizi con foto hanno una frequenza di uno ogni 5. Potranno cambiare i ritmi e ci adegueremo ma è necessario prevedere sempre lo spazio per la diapositiva che preannuncia che il servizio è con foto.

ESEMPIO 1

Condivido moltissimo la tua valutazione sulla grafica della Home, come potrai vedere dal link 'corretto' la home rimane con le caratteristiche  (elencazione titoli) che tanto ti piacciono e che caratterizano vivitelese in più vi è la possibilità di caratterizzarla  con foto e/o immagini,  solo il link della notizia  rimanda al    CMS di una o dell'altra piattaforma ( il meccanismo è simile)

Esempio sito Wordpress  come vedi non cambia molto dal precedente realizzato con Blogger  http://vivitelese.altervista.org/ 

 

Giovanni Lombardi

 
Fidelizzazione

C'è da chiedersi del perché ViviTelese continui a riscuotere successi di visitatori anche se concepito dieci anni fa quando non c'erano tutte queste facilitazioni per i webmaster.

I nuovi blog sono esteticamente belli e la possibilità di scegliere è davvero variegata ma riflettiamo sulle "comodità" che ViviTelese ha sempre offerto ai lettori.

Secondo me, il sistema dei titoli a rullo, nella home page, è l'elemento più apprezzato dai visitatori. Non condivido quando sotto al titolo c'è anche il testo (o l'inizio del testo) perché allunga a dismisura la pagina e la rende dispersiva.

Il rullo è come uno schema sintetico; una tabella da scorrere in pochissimi secondi per poter scegliere solo l'articolo che voglio leggere.

I titoli come sono oggi in home forse sono troppo sintetici ma possiamo riparare allargando i pixel orizzontali.

I nuovi titoli mi piacerebbero con gli elementi di database di archiviazione: autore, argomento, data e ora, comune della valle telesina.

Su  concetto di ‘Fidelizzazione’, qualche parola: ormai chi viene sul ViviTelese lo fa appunto per il lavoro di dieci anni di presenza e di rigore. ViviTelese ha acquisito con il tempo ‘autorevolezza’ e il visitatore questo lo percepisce. Credo che non sarà un restyling a far perdere la fiducia e la comodità di navigazione.

Sarà una ‘(S)mania’ dei vegliardi del web, come noi, ma anch’io nutro moltissime perplessità circa la titolazione con l’inserimento di tutta o parte delle notizie… ecco perché ti propongo una integrazione tra il tuo Front Page e le sfavillanti grafiche blog... ti assicuro vale la pena provarci!                         esempio:

 

 

 

 

 

 

Giovanni Lombardi

 

 

 

 

Ti invio il link di una prova 'veloce' effettuata con metodo 'tradizionale' che rimanda ad archiviazione blog per dare corpo a quello che ci siamo detti in questi giorni.

Come puoi vedere la grafica della home è estremamente flessibile (anche se ho preferito un taglio razionale) ma la puoi modulare secondo le tue esigenze. La prova è stata effettuata per i primi DUE link e molti collegamenti non sono attivi.

A presto 

Giovanni Lombardi 20 giugno 2009

 

http://www.lovanni.altervista.org/

 

 

 

 


     

  Il Crogiuolo


Per intervenire: invia@vivitelese.it