Viabilità nel Sannio: 47 cantieri - 01-04-04 - da Il Mattino

 

 

Mercoledì 31 Marzo 2004

CASCETTA

«47 i cantieri per la viabilità nel Sannio»

«La Benevento-Caianello è una tangenziale nell’ambito del disegno complessivo del sistema a rete che si sta completando in Campania». L’assessore regionale ai Trasporti, Ennio Cascetta, ha ricordato ieri a Villa dei Papi che, entro il 2004, ammonteranno a 47 i cantieri sulla viabilità che si apriranno nel Sannio. È anche il frutto della sinergia e della collaborazione istituzionale con il Governo, la Provincia ed il comune di Benevento (cooperazione rilevata pure da Nardone e D’Alessandro, oltre che dal presidente degli industriali Costanzo Jannotti). Un sistema di mobilità che punta alla metropolitana regionale, con l’ammodernamento della ferrovia Benevento-Cancello, mentre le Ferrovie dovranno provvedere alla Napoli-Bari. C’è, poi, il piano aeroportuale che per il Sannio prevede una struttura leggera di terzo livello, un’aviosuperficie a Benevento.

Gli impegni dell'Anas per potenziare la viabilità del beneventano sono stati, inoltre, evidenziati dal direttore generale Sabato. «Siamo già al lavoro per realizzare il collegamento autostradale Caserta-Benevento, e le bretelle di collegamento con la variante di Caserta e con l'Autostrada A 16. L'investimento è pari a circa 900 milioni di euro. Il progetto preliminare è in fase di redazione.

Sempre per quanto riguarda la provincia di Benevento, nel dicembre scorso è stato dato il via ai lavori per l'ammodernamento della Strada Statale 212 della ValFortore e dell'ex Statale 369 «Appulo Fortorina». Il consiglio di amministrazione dell'Anas, infatti, ha approvato il progetto definitivo per l'ammodernamento dal bivio di Pietrelcina a San Marco dei Cavoti, per un importo complessivo di 225,611 milioni di euro. Il tempo per l'esecuzione dell'opera è stimato in 1320 giorni.

Altri lavori importanti sono quelli in corso di esecuzione per il raddoppio della Statale 87-88 «Fondo Valle Tammaro». L'Anas ha già realizzato 3 dei 6 viadotti previsti in progetto, oltre a diverse opere d'arte minori, tra cui 3 rampe d'arresto, uniche per il loro genere in Italia (se si escludono quelle realizzate in provincia di Catania), tali da consentire l'arenamento dei mezzi pesanti in svio dalla carreggiata stradale. I lavori prevedono un impegno complessivo di spesa di circa 42 milioni di euro. L'ultimazione è prevista per il mese di giugno del 2005.

g. de bla.

 


 

Per intervenire: invia@vivitelese.it